Sono trascorsi 103 giorni da quando abbiamo trapiantato questi pomodori datterini. Questi sono i primi due più rossi degli altri e abbiamo deciso di assaggiarli, di goderci questi tesori: dopo 103 giorni di cure quotidiane, oggi li abbiamo staccati dal grappolo facendo ben attenzione a non disturbare i fratellini che aspettano il rosso maturo. I semi di questi datterini sono custoditi da quasi dieci anni dalla mia (di manu) famiglia e, oltre ad andarne fiera, sono certa che questo contribuisca a renderli così speciali e buoni buoni: loro sono nati qui, sono parte di questa terra a matrice argillosa, hanno il sapore di questo microcosmo! Ecco perché ci sono tutto l’anno, magari a dicembre vanno piano piano, ma ci sono con il loro rosso di gusto! Ogni volta che ci fanno preoccupare, – perché ci sono giorni, sapete, che le ore sembrano non bastare e ci sono cure che non si possono posticipare! – noi sappiamo che poi ci restituiranno una gioia ancora più profonda quando li raccoglieremo finalmente maturi. E tutte le volte che riusciamo a raccoglierne un po’ di più così da farveli trovare nelle cassettine che vi consegnamo a domicilio, siamo orgogliosi di loro perché sappiamo bene che riusciranno a farvi sorridere. I nostri tesori di oggi, i vostri sapori di domani!